venerdì 15 maggio 2015

DOLCIFICANTI A ZERO CALORIE: MY DIETOR



I dolcificanti ipocalorici sono indicati per coloro che necessitano di ridurre l'apporto calorico della dieta o il consumo di zuccheri.
Essi infatti conferiscono il sapore dolce agli alimenti senza però conferire l'apporto calorico proprio del saccarosio, lo zucchero da cucina per eccellenza.
Dietor, il primo e più popolare dolcificante in Italia, da sempre sinonimo di qualità e innovazione, dopo 40 anni di dolcezza si è da poco rinnovato in una formula senza aspartame, a base di saccarina ed eritritolo.
L'eritritolo è un polialcol naturalmente presente in natura nella frutta e negli alimenti fermentati.
Il risultato della nuova formula di "My Dietor" è un sapore ancora più buono, dalla dolcezza uniforme e senza retrogusti, e, cosa non da poco per chi ci tiene a mantenere la linea, un apporto calorico nullo (zero calorie).
My Dietor è disponibile sul mercato in bustine, in compresse, in forma liquida o sfuso.
Può essere utilizzato anche per la preparazione di alimenti quali torte e dessert in quanto le polveri non sono sensibili al calore e sono utilizzabili anche in fase di cottura ad alte temperature.
Per chi volesse saperne di più e regalarsi 1 momento di dolcezza a zero calorie, è possibile visitare il sito tematico di Dietor http://bit.ly/1bW6pGw, la pagina facebook http://on.fb.me/1ERncWu e il profilo twitter http://bit.ly/1QeMhyw.


Buzzoole

giovedì 16 aprile 2015

INTEGRATORI ALIMENTARI PER SPORTIVI: CrownHealth FORCE

CrownHealth FORCE è un rimedio botanico naturale di efficacia scientifica provata a base di estratto di cetriolo.
Il cetriolo (Cucumis sativus) è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Cucurbitacee originario dell'India. E' ricco di sali minerali e di vitamina C ed è riconosciuto sin dall'antichità per le sue proprietà anti-infiammatorie.
E' proprio l'estratto di cetriolo il componente chiave di CrownHealth FORCE, integratore alimentare di ultima generazione, frutto di una tecnologia brevettata e di efficacia scientifica provata, dall'azione emolliente e lenitiva locale e sistemica.
Questo rimedio botanico totalmente naturale è commercializzato sotto forma di capsule ed è senza glutine. E' quindi adatto anche all'alimentazione dei soggetti celiaci o intolleranti al glutine.
In virtù delle sue proprietà, CrownHealth FORCE è particolarmente indicato per sportivi, anche professionisti, ed è attualmente utilizzato dal Centro Sportivo Carabinieri - Sezione Atletica.
La dose giornaliera consigliata di CrownHealth FORCE è di 1 o 2 capsule al giorno  per un periodo di tempo prolungato, seguito da un trattamento di mantenimento con 1 capsula al giorno.
Se è vero che gli effetti dei rimedi botanici naturali, conosciuti a volte come "rimedi dolci" si vedono con il tempo, nel caso di CrownHealth FORCE già dopo una settimana di assunzione è possibile sentirne dei benefici.
Prima di tutto l'integratore, rispetto a molti altri integratori, è gradevole da assumere.
L'estratto secco di cetriolo è racchiuso in capsule, facilmente deglutibili,  ma è possibile percepire un delicato profumo di "vegetale", che conferma la naturalezza del prodotto ed è un ottimo biglietto da visita.
L'assunzione di CrownHealth FORCE sembra aver migliorato la sensazione di fatica legata ad attività sportiva di tipo misto, con una parte aerobica e una parte anaerobica, riducendo in particolare l'affaticamento e l'indolenzimento muscolare legati all'attività fisica che insorgono dopo lo sforzo fisico, anche nei giorni successivi all'allenamento.
Effetto decisamente soddisfacente per un rimedio totalmente naturale e assumibile anche per lunghi periodi, se si pensa che i dolori "da acido lattico" (denominati DOMS) possono compromettere la capacità di tornare a fare sport sino a 48 -96 ore dal primo allenamento!
Per chi fosse interessato a provarlo, CrownHealth FORCE è acquistabile online dal Web-Store visitabile all'URL http://bit.ly/1zF1KgD.

Buzzoole

giovedì 9 aprile 2015

SEMI DI CHIA: PROPRIETA' E INDICAZIONI D'USO, SENZA ESAGERAZIONI


I semi di Chia, originari dell'America centro-meridionale, sono attualmente consumati in tutto il mondo per le loro proprietà nutrizionali e per i loro effetti benefici. Spesso definiti come "Super-Food" hanno indubbiamente caratteristiche nutrizionali interessanti. Vediamo però se sono realmente dei "super-food" e come e a che scopo consumarli.

La Chia (Salvia hispanica) è una pianta erbacea nativa del Messico e del Guatemala coltivata già in epoca precolombiana dagli Aztechi.
La componente più importante della pianta dal punto di vista nutrizionale sono i suoi semi, ricchi di composti bioattivi e paragonabili ai semi di lino e ai semi di sesamo. 
I semi di Chia contengono proteine (15-25%), grassi (30-33%), carboidrati (26-41%), fibra alimentare (18-30%), ceneri (4-5%), sali minerali, vitamine e antiossidanti. 
Non contengono glutine e sono quindi adatti all'alimentazione dei soggetti celiaci o con intolleranza al glutine.
I semi di Chia sono pubblicizzati per vari effetti benefici sulla salute, in particolare per l'azione normalizzante sui lipidi plasmatici (effetto ipolipemizzante).

Quali sono i composti bioattivi contenuti nei semi di Chia?
I semi di Chia sono semi oleosi ricchi di acidi grassi poli-insaturi (PUFA) omega-3 e di acidi grassi essenziali, l'acido alfa-linolenico (omega-3) e l'acido linoleico (omega-6).
Tali acidi grassi non possono essere sintetizzati dal nostro corpo e sono indispensabili per numerose funzioni biologiche come la produzione di energia, la formazione delle membrane cellulari, la sintesi di emoglobina, il corretto equilibrio ormonale.
I semi di Chia sono inoltre ricchi di composti fenolici ad azione antiossidante e di fibra alimentare.


Quali sono gli effetti benefici dei semi di Chia?
I semi di Chia sono stati pubblicizzati come "super-food" in grado di migliorare il decorso di malattie cardiovascolari, di ridurre l'infiammazione, di ridurre glicemia, colesterolo, trigliceridi e pressione arteriosa e di favorire il dimagrimento e la perdita di peso.
In realtà è stato condotto un limitato numero di studi sull'uomo volti a valutare l'efficacia dei semi di Chia nel ridurre fattori di rischio cardiovascolare come la glicemia e la trigliceridemia e nel favorire la perdita di peso e il dimagrimento.
Tali studi, in parte per l'esiguo numero e in parte per i risultati controversi, necessitano di ulteriori conferme.
Occorrerà inoltre valutare se gli effetti benefici legati all'assunzione dei semi di Chia sono pari a quelli dei singoli composti bioattivi contenuti (omega-3, omega-6, acidi grassi essenziali, antiossidanti, fibra alimentare) o se vi è un effetto sinergico legato alle specifiche caratteristiche del substrato alimentare e alla composizione dei semi di Chia.
Indipendentemente da ciò i semi di Chia hanno un indiscusso valore nutrizionale
l' ottimo profilo lipidico, in virtù dell'alto contenuto di acidi grassi poli-insaturi e di acidi grassi essenziali (acido alfa-linolenico e acido linoleico), li rende un valido aiuto per il controllo dei livelli di colesterolo nel sangue; il contenuto di antiossidanti li rende potenzialmente utili per contrastare le risposte infiammatorie e le infiammazioni; il contenuto in proteine e fibra alimentare li rende potenzialmente utili per favorire il senso di sazietà e rendere più "semplice" seguire una dieta dimagrante.


Come assumere i semi di Chia?
I semi di Chia possono essere utilizzati come fonte di olio di elevato valore nutrizionale, da utilizzare in miscela con altri oli per la cottura e per la preparazione di alimenti, o essere consumati e commercializzati integri.
Solo in quest'ultimo caso essi conservano tutti i loro nutrienti.
I semi di Chia integri possono essere assunti tal quali oppure essere addizionati a bevande, insalate, condimenti, succhi di frutta, yogurth, cereali e prodotti da forno.
Navigando nel Web sono tanti i siti che propongono svariate ricette con i semi di Chia! Per concludere, nel caso qualcuno fosse tentato di "fare il pieno" di semi di Chia, è giusto ricordare che le autorità sanitarie americane hanno dettato un limite di 48 grammi/giorno alla dose di semi di Chia da consumare con la dieta.

Fonte:
J Biomed Biotechnol. 2012; doi:  10.1155/2012/171956
The Promising Future of Chia, Salvia hispanica L.
Norlaily Mohd Ali et al.


martedì 7 aprile 2015

INTEGRATORI PER SPORTIVI: TUTTO SULLA CREATINA


La creatina, integratore alimentare tra i più popolari e più studiati degli ultimi anni, è risultata efficace per aumentare la massa magra, la forza muscolare e la generale prestazione anaerobica. Vediamo meglio quali sono le proprietà, i benefici e gli effetti collaterali della creatina e in quali casi è utile l'assunzione di creatina sotto forma di integratore alimentare.

Che cos'è la creatina?
La creatina è un composto organico azotato non essenziale. Non è una vitamina bensì un peptide intermedio del metabolismo energetico dei vertebrati presente in vari alimenti ma sintetizzato anche dall'uomo.
La sintesi della creatina avviene nel fegato a partire dagli aminoacidi L - arginina , glicina e L - metionina . Circa il 95% della creatina si trova nei muscoli scheletrici, dove la creatina funge da riserva energetica muscolare, liberando rapidamente energia disponibile nei momenti di massima richiesta metabolica, ovvero durante lo sforzo muscolare. La creatina è infatti "precursore" per la formazione di ATP, la principale forma di energia utilizzata dalle nostre cellule.

Proprietà della creatina
La creatina facilita il recupero della capacità di contrazione muscolare consentendo sforzi ripetuti ad intensità maggiore e aumentando in modo significativo la massa magra, la forza muscolare e la generale prestazione anaerobica.
La supplementazione con creatina è in grado di migliorare le prestazioni fisiche durante serie ripetute di esercizi di breve durata ma ad alta intensità. L'entità del miglioramento della prestazione fisica in caso di supplementazione con creatina risulta essere del 5-20%.
Cosa si intende per prestazioni fisiche? La capacità di portare a termine determinati esercizi con un allenamento più intenso, più velocemente o con una potenza superiore. La massa muscolare e la forza muscolare sono le principali determinanti della prestazione fisica. In caso di serie di esercizi ripetute però la prestazione fisica è legata anche alla capacità di recupero muscolare.
Per le sue proprietà la creatina, utilizzata anche in campo medico come rimedio complementare per il trattamento di alcune malattie muscolari come la distrofia muscolare e la malattia del motoneurone (SLA), ma anche dell'atrofia girata della retina e della cachessia, è conosciuta ai più soprattutto come integratore alimentare utile agli sportivi, in particolare a chi pratica discipline anaerobiche, come ad esempio body building e sollevamento pesi, ma non solo.
In base ad alcuni studi, alcuni dei quali necessitano di ulteriori conferme, la creatina avrebbe non solo attività antiossidante contro i radicali liberi, ma sarebbe utile per migliorare le capacità cognitive, come la memoria l'intelligenza e la tolleranza al glucosio. Sono in corso inoltre studi sull'uso della creatina come antidepressivo.

A chi può essere utile la creatina come integratore alimentare? 
L'uso di creatina in stati non patologici, quindi nella popolazione sana, sotto forma di integratore alimentare è risultato effettivamente utile per adulti sportivi che praticano esercizi ad alta intensità, ovvero sport con fonte energetica anaerobica, caratterizzati da sforzi brevi e massimali.
L'Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare (EFSA), sulla base di numerose evidenze scientifiche, ha riconosciuto alla creatina, in virtù dei suoi effetti provati su "metabolismo energetico", "forza muscolare", "composizione corporea", "aumento della forza fisica", "aumento della massa", “aumento della potenza”, “miglioramento delle prestazioni fisiche”, “sforzo/recupero muscolare”, il claim salutistico (Health Claim) "il consumo di creatina migliora le prestazioni fisiche durante serie ripetute di esercizi di breve durata ad alta intensità", considerando come popolazione target di tale effetto fisiologico benefico proprio quella degli sportivi.
Non sono invece per il momento stati riconosciuti gli Health Claims relativi al miglioramento del potenziale di resistenza fisica e delle prestazioni in attività fisiche di resistenza.
In sintesi quindi la creatina risulta utile principalmente per le discipline di tipo anaerobico, come il body building e sollevamento pesi, ma anche per gli sport che richiedono scatti o corse brevi (100/200 metri piani) o che hanno una componente anaerobica.
La letteratura scientifica ha confermato l'efficacia della creatina anche in sport come il ciclismo, per l'aumento della potenza muscolare, il nuoto e il calcio, per l'aumento delle prestazioni sportive nello sprint.

A quale dose fa effetto la creatina?
Nel Web e in letteratura si trovano vari protocolli di assunzione di creatina.
Una modalità di assunzione di creatina molto comune è quella del "carico di creatina" seguito da una fase di mantenimento. Tale procedura comporta l'assunzione di 0,3g/kg/die di creatina per 5-7 giorni (corrispondenti a circa 5 grammi, presi quattro volte al giorno, per un totale di 20 grammi), a cui segue un periodo in cui se ne assumono 3-5 grammi al giorno come "dose di mantenimento".
Nel "protocollo a carico ciclico" segue una nuova fase di carico ogni 3-4 settimane.
La letteratura scientifica ha riportato che i protocolli senza periodo di carico, pur utilizzando dosi più basse di creatina, sono sufficienti e altrettanto efficaci per aumentare la creatina muscolare.
Il più comune protocollo senza carico comporta l'assunzione di 3 grammi al giorno di creatina (3g/die), generalmente per un periodo di un mese. A tale periodo può eventualmente seguire un periodo di mantenimento con 2 grammi al giorno di creatina (2g/die).
In accordo con ciò, in base ai dati EFSA, per migliorare la capacità di allenamento e le prestazioni fisiche in esercizi ad alta intensità è sufficiente una dose giornaliera di 3 grammi di creatina (3g/die).
In base al report del Ministero della Salute su "Altri nutrienti e altre sostanze ad effetto nutritivo o fisiologico" aggiornato a Febbraio 2015, per la dieta degli sportivi l’apporto giornaliero di creatina può arrivare a 6 g per non più di un mese. La creatina non deve comunque essere utilizzata in gravidanza e nei bambini o comunque per periodi prolungati senza sentire il parere del medico.
In base ad alcuni studi la creatina potrebbe avere effetto sinergico se assunta insieme ad altri nutrienti (carboidrati, proteine, acido alfa-lipoico, acido linoleico coniugato e beta alanina).


Quali sono le fonti alimentari di creatina?
La creatina, oltre ad essere sintetizzata anche dall'uomo, è contenuta naturalmente in alcuni alimenti, soprattutto nella carne e nel pesce. Normalmente in un soggetto sano che non svolge attività sportive intense e di tipo anaerobico, il fabbisogno giornaliero di creatina (circa 2 g) è soddisfatto in parte dall'apporto alimentare garantito da una dieta bilanciata e in parte dalla sintesi endogena di creatina.
Gli alimenti di origine animale più ricchi di creatina sono aringhe, maiale, salmone, manzo, tonno e merluzzo.
L'apporto proveniente da fonti alimentari vegetali, come i mirtilli, è trascurabile, motivo per cui l'uso di integratori alimentari di creatina risulta particolarmente utile per i vegetariani stretti che praticano sport di tipo anaerobico.


La creatina ha degli effetti collaterali?
La creatina, se assunta alla dose indicata, ha come unico effetto collaterale riconosciuto l'aumento di peso corporeo dovuto in parte ad una maggiore ritenzione idrica e in parte all'aumento della massa muscolare. Alle dosi consigliate l'assunzione di creatina non causa crampi, disidratazione, danno renale e affaticamento muscolare.

La creatina è pericolosa per la salute?
Molti credono che la supplementazione con creatina sia pericolosa e comporti dei rischi per la salute, in particolare stress e sovraccarico renale o epatico.
In effetti sono proprio il fegato e i reni gli organi coinvolti nel metabolismo della creatina, come del resto avviene per altri nutrienti.
Tuttavia gli studi scientifici sulla sicurezza della creatina hanno rilevato in modo univoco l'assenza di effetti dannosi sull'uomo sia a breve termine sia a lungo termine.
La creatina è quindi un integratore efficace e sicuro per la salute, fermo restando il rispetto delle indicazioni d'uso e delle modalità di assunzione raccomandate.

Fonti:
Lawler et al. Directantioxidant properties of creatine. Biochem Biophys Res Commun. 2002 Jan 11;290(1):47-52. 
EFSA Journal 2011;9(7):2303 [24 pp.]. doi:10.2903/j.efsa.2011.2303
www.salute.gov.it
Image Courtesy of Ambro/FreeDigitalPhotos.net

mercoledì 4 marzo 2015

VITAMINE DEL GRUPPO B CONTRO LO STRESS LAVORO-CORRELATO: FUNZIONANO?


Lo stress da lavoro, detto anche stress lavoro-correlato, è un rischio psico-sociale sempre più diffuso, anche a causa dell'attuale mercato del lavoro sempre più competitivo.
L'assunzione di integratori alimentari a base di vitamine del gruppo B sembra essere un intervento efficace e sostenibile per limitare questo problema, sempre più rilevante sia dal punto di vista sanitario sia dal punto di vista economico.

Lo stress lavoro-correlato non è per definizione una malattia ma una condizione che può essere accompagnata da disturbi o disfunzioni di natura fisica, psicologica o sociale ed è conseguenza del fatto che taluni individui non si sentono in grado di corrispondere alle richieste o aspettative riposte in loro.
Lo stress lavoro-correlato sta diventando un problema socio-economico sempre più rilevante in quanto è legato ad una riduzione della produttività, ad un maggior assenteismo e ad un peggior stato di salute della popolazione.

Qual'è il ruolo dell'alimentazione in caso di stress?
L'alimentazione è un fattore importantissimo su cui possiamo agire.
E' provato che le carenze di alcuni micronutrienti (vitamine e minerali) sono legate ad alterazioni dell'umore, tra cui l'aumentata sensibilità allo stress, ansia e altri sintomi psichiatrici.
La correzione di queste carenze tramite l'integrazione alimentare, in particolare nel caso delle vitamine del gruppo B, si è dimostrata efficace nel migliorare l'umore, sia in persone sane sia in persone con patologie preesistenti.
A ciò si aggiunge l'importante risultato di alcuni studi sugli anziani, che hanno mostrato una relazione diretta tra quantità di vitamine del gruppo B assunte e capacità cognitive.

Se è vero quindi che un'alimentazione bilanciata, con il giusto apporto di vitamine del gruppo B e degli altri micronutrienti, è fondamentale per contrastare lo stress psico-fisico, purtroppo è vero anche che in condizioni di stress si tende a cadere più facilmente in eccessi alimentari, nel junk-food (cibo spazzatura) o in una dieta poco varia, favorendo l'aggravarsi del problema.
Ribadendo che gli integratori alimentari non sono da considerarsi sostituti di una dieta variata e bilanciata, l'integrazione alimentare con vitamine del gruppo B, il cui fabbisogno in caso di stress è aumentato, può essere un valido aiuto per contrastare lo stress psico-fisico e sentirsi meglio.
Nel frattempo, un importante studio australiano sta valutando in modo approfondito se la supplementazione della dieta con vitamine del gruppo B può essere considerato un intervento sostenibile per la riduzione dello stress lavoro-correlato e delle problematiche socio-economiche ad esso connesse.

Fonte: Nutrition Journal 2014,13:122 doi:10.1186/1475-2891-13-122
Reducing occupational stress with a B-vitamin focussed intervention: a randomized clinical trial: study protocol
Con Stough et al.
Image Courtesy of pakorn/FreeDigitalPhotos.net